Notice: class-oembed.php è deprecata dalla versione 5.3.0! Utilizzare al suo posto wp-includes/class-wp-oembed.php. in /home/sailyx79/public_html/wp-includes/functions.php on line 4719

    Recentemente parlando con alcuni nuovi amici, ho scoperto non avessero ancora guardato il documentario girato a suo tempo insieme al Kilimangiaro, relativo a la costa turca, Yakamoz e un po’ della nostra vita.

    Posso dire senza timore di smentita, che oramai sia divenuto un piccolo cult, e forse tra i migliori mai prodotti dal gruppo della nota trasmissione. Non perché fossimo presenti noi e Yaka, ma per la passione con cui l’allora produttore girò e montò il documentario. Certamente ricordo che dopo il primo giorno di assestamento, si creò un’atmosfera unica con la troupe: gli scenari della costa e forse la nostra spontaneità, alla base di una scelta di vita non comune, contribuirono al totale del contesto, che rimase nei cuori e nelle menti di chi poi, tornando a casa si trovò in mano non semplice materiale lavorativo, ma molto di più.

    Dopo quell’esperienza per noi molto divertente, anche se complessa e stancante (non potete proprio immaginare cosa si celi dietro le riprese, esigenze specifiche, maniacalità del regista-produttore, e orari al limite), nacque una bella amicizia tra tutti i protagonisti dell’avventura.

    Dovrei dire tante altre cose, per rendere giustizia a quei giorni, raccontare le sensazioni, il ‘dietro le quinte’, il dopo, ma non posso, non voglio, anche per rispetto di Alessandro che purtroppo lasciò questo mondo ancora giovane poco tempo dopo. Un grazie particolare a Ivo, che seppe raccogliere come non avrebbe potuto fare meglio, le indicazioni dell’amico, all’epoca già in difficoltà. Capisco che per il lettore le mie parole possano suonare ermetiche, enigmatiche: perdonatemi di più davvero non posso. Mi basta il fatto che chi è stato direttamente interessato sappia, e comprenda quanto ancora oggi io e Basak, siamo molto affezionati a quel tutto che accadde, accompagnandoci tutt’ora, e forse per sempre.

    Non resta dunque che lasciare spazio alle immagini: prendetevi 10 minuti, ne varrà la pena. Buona visione cari amici

    ps. Girammo sia prima che dopo altri docu, che potrete trovare nella pagina da noi dedicata, tutti molto belli, ma questo, ripeto, è per noi molto speciale.

    Per chi avesse difficoltà a visualizzare il video, ecco direttamente il link della RAI 

    http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-5ac05308-68aa-48a4-b100-4d572b9bce54.html#p=