Dicevano i vecchi romani “nun fa cazzate che vai a finì sur giornale” 😀 … Ma andiamo per ordine

    Ciao amici, eccoci qui a condividere con voi un po’ di vita.

    Dall’inaugurazione della piattaforma, hanno cominciato ad arrivare i contributi in contenuti di altri liveaboard che man mano sto pubblicando. Quindi un GRAZIE grande così a loro che hanno colto il senso di tutto questo.

    Anche, la partecipazione al Fondo pur se timidamente, inizia ad aumentare; d’altronde è una cosa importante e ha bisogno dei giusti tempi, e sappiamo sia destinato a crescere in ogni senso, quindi al momento non possiamo davvero lamentarci: un altro GRAZIE grande così a chi è salito a bordo della solidarietà.

    Dopodiché parlando un po’ di mare, abbiamo vissuto i giorni più strani di Egeo da 10 anni a questa parte, e alcuni amici che sono qui da più tempo di noi, confermano la singolarità del meteo.

    In sostanza il Meltemi ha ritardato la sua venuta e le perturbazioni con rovesci si sono susseguiti rendendo la situazione complicata, in termini di pianificazione rotte e sicurezza degli approdi.

    Gli ospiti che abbiamo avuto a bordo sono comunque riusciti a godere come sempre, e devo dire che un po’ di fortuna ci ha aiutati, scegliendo opportunamente il giusto timing per salpare e le location adeguate: qualche tuffo in mare con acqua dal cielo ha reso la vacanza unica sul serio.

    Ora ci siamo portati in zona Bodrum, e la traversata si conferma sempre interessante, con vento anche oltre i 30 nodi.

    Yakamoz si comporta bene, non è una novità, e il nuovo sistema rollafiocco da noi installato ad Aprile, sembra oramai ben collaudato e performante: un grazie alla Bamar che ci è venuta incontro in pratica fornendoci l’attrezzatura quasi al costo.

    La barca è piena di sale, e lentamente procederemo alla pulizia grazie alla pompa-doccia tipo Decathlon di cui feci una recensione lo scorso anno: si conferma eccezionale e continuo a consigliarla, in quanto si porta dove si vuole, non consuma elettricità e la pressione è adeguata. Mai soldi sono stati meglio spesi di questi.

    Siamo ad Akyarlar, una baia splendida a ovest di Bodrum, su 5 metri di fondo, sabbia e occhiate a iosa. L’acqua è un po’ fredda rispetto ai nostri standard, ma d’altronde qui soffia sempre parecchio per cui non potrebbe essere diverso.

    Diciamo che il calore lo prendiamo da altre fonti e in altra maniera, come ad esempio l’articolo uscito oggi su La Stampa a firma del bravissimo Fabio Pozzo che ha colto lo spirito della piattaforma, grazie Fabio. Senz’altro però non ci aspettavamo di finire in prima pagina accanto a Madonna: amici, sinceramente, per tutto il resto c’è sempre il mutuo.

     

    Başak e Giampaolo all’arrembaggio