categorie a rischio e ipocrisia della semantica